09 luglio 2010

Di spiaggia, toscani, bambini e galateo

E' risaputo che noi toscani siamo confusionari e un po' sguaiati (tono di voce alta, gran gesticolare, e quella bella C strascicata ad inpastare il tutto).

Quello che non sapevo è che il gene toscano potesse manifestarsi fin dalla più tenera età.
Pensavo che tutti i bambini a 16 mesi si comportassero alla stessa maniera e visto che il loro lessico è legato a massimo 10 parole, osservandoli non fosse possibile riconoscere lo sguaiato toscano e invece...

IN SPIAGGIA:

Ombrellone 131: Giorgia (Milanese) 15 giorni meno di Birby, gioca composta con la sabbia, paletta e secchiello, ha indosso il pannolotto, il cappello, ed è tutta incremata, la sua mamma legge Novella 2000, DISTESA!!!!

Ombrellone 130: dissemminato di giochi, che vanno dai 7 nani, al kit completo da spiaggia, alla super estiva fattoria degli animali, sembra esserci un cinghialotto. Da una buca fa capolino una ricciolina nuda come il BacoGIGI (da qui il soprannome BAGIGIA) impanata come una cotoletta, che ciuccia una conchiglia.
La sua mamma, impanata pure lei tra sabbia e crema, cerca di arginare la piccola cinghialotta raccogliendo di continuo cappello, costume e cercando riprendere al volo i giochi che la Birby-BAGIGIA fa volare appena stanca. Novella 2000 giace nella borsa da spiaggia ancora incartato.

ALLE CASETTE:
CaTTeRRina 2 anni (bergamasca) gioca ad aprire e chiudere la porta della casetta, arriva la Birby-BAGIGIA e con un impeto di affetto da rugbista le schiaccia un dito nella porta stessa, la piccina, giusamente, piange.
Io mi scuso con la mamma mortificata.
La madre imbraccia CaTTeRRina e se la porta via.

Birby munita di costume rientra nella casetta e cerca di abbracciare in sequenza: Francesco, Luca e pure Giorgia impanandoli tutti di sabbia.
Immediatamente le squadre anti insabbiamento si muovono dai rispettivi ombrelloni e imbracciati i piccoli li portano alle docce dove, composti, vengono lavati e incremati di nuovo.

NEL MARE:
ci avreste riconosciuti da lontano, a saltare le onde tra risate e strilli con le nostre C strascicate, il nostro gesticolare esagerato.
Nel nostro habitat naturale siamo nella norma, vi giuro, ma qui, nell'allegra romagna, mi rendo conto che visti da fuori possiamo facilmente scatenare ilarità.

A TAVOLA IN HOTEL:
Birby è seduta al tavolo con noi, dispensa baci, saluti e occhiolini senza risparmio a tutti i presenti in sala, poi mangia (con le mani, ma questo è scusabile) finchè non decide di mostrare al suo affezionato pubblico il contenuto della sua bocca. La riprendo, questa è maleducazione.
Allora decide di mettersi la ricotta in testa. La riprendo, questa è maleducazione.
Strappa così tutta la tovaglietta di carta e poi mangia, qualcosa, forse.

Giorgia nel tavolo vicino: mangia.

AL BUFFET incontroTommaso mio conterraneo 4enne che contratta vociando con la mamma "le patate un le voglio, icchè tu voi mamma t'ho detto un mangio"
Mi sfiora Nicholas coetaneo veneto e composto e con un filo di voce mi sussurra "Pardon". Perfetto gentlman da galateo.
Basita torno al tavolo. Non commento.

Dopo il pranzo provo a coinvolgere tutti i piccoli dell'albergo facendo bolle di sapone... e allora lì davvero mi sembrano tutti scatenati e anche un po' sguaiati...mi sento proprio a casa!

Icchè ci si può fare, siamo fatti così!
Si fa un po' di confusione, ma un siamo mica cattivi!

12 commenti:

  1. un bambino di 4 anni che dice pardon mi fa salire un brivido lungo la schiena...

    RispondiElimina
  2. w i bambini impanati!!! :)

    RispondiElimina
  3. Ma che divertente questo post. In Romagna bisogna divertirsi, è vero che ci sono tantissimi milanesi, e non so se sono tutti come quelli che descrivi tu, ma la spiaggia è fatta per sporcarsi, scavare buche e impanarsi nella sabbia!

    RispondiElimina
  4. io sono romana e quanto a caciaraggine noi romani ne sappiamo, in più ho sangue toscano nelle vene... che bel miscuglio per il mio biscottino...
    se passi da me c'è qualcosa per te http://alieradici.blogspot.com/2010/07/ce-un-premio-per-me.html

    RispondiElimina
  5. @Pollon: niente contro i bambini milanesi,ci mancherebbe, quando si scatenano non scherzano. Mi fa solo un po' di invidia il loro naturale bon ton e il loro "fare a modino".

    Un abbraccio a tutti e concordo, w i bambini impanati!

    RispondiElimina
  6. Si hai ragione, l'Italia è davvero un Paese con usi e costumi diversissimi... ogni Regione ha le sue caratteristiche :-)

    RispondiElimina
  7. Voi toscani mi fate e ci fate morire dal ridere!Non a casa alcuni tra i migliori comici/attori sono proprio toscani!!

    RispondiElimina
  8. Ho sbagliato....volevo dire "non a caso"!

    RispondiElimina
  9. sto ridendo da sola...è una risata un po' isterica, sappilo...!
    :)

    RispondiElimina
  10. fortssimo il tuo post. C'è un premio per te sul mio blog!ciao laura

    RispondiElimina
  11. Ciao Mammolina, mi hai fatto scompisciare dalle risate. Abbiamo come minimo due cose in comune: la vacanza in Romagna e le bolle di sapone sempre in tasca ;-)
    Sono passata a ringraziarti per la tua visita e sono felice di averti scoperta :-)
    A presto su questi schermi!
    Blanche

    RispondiElimina
  12. Il pargolo che nascerà a settembre sarà toscano al 50%, visto che mio marito è fiorentino (ma di origine vicchiese...), l'altro 50% sarà genovese, ma io sono una genovese anomala, certo il pupo vivrà a Genova, ma avrà un babbo e non un papà, tiferà rigorosamente viola e comunque sarà allevato in campagna a "culo gnudo" ogni volta che sarà possibile, quindi penso che l'anno prossimo in spiaggia riconoscete anche noi... gli ibridi tosco liguri impanati!

    RispondiElimina

GRAZIE per aver lasciato la tua traccia.
Torna a trovarmi!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails