22 aprile 2010

Come IL GATTO PUZZOLONE...sottotitolo: l'incubo bagnetto

Nella foto le prove:
.
un giorno l'acqua con i suoi piedini l'ha toccata senza drammi.
.
Fin dal primo bagnetto ha mostrato di provare piacere al contatto con l'acqua, mai uno strillo, mai un pianto, se ne stava lì beata a sguazzare...
.
In realtà nell'acqua, o meglio nel liquido è stata immersa per ben 9 mesi, ma forse questo se l'è proprio dimenticato.
.
Infatti è circa un mese che, senza un apparente motivo, l'esperienza del bagnetto è diventata un vero incubo.
Per la Birby e, vi confesso, anche per me.
.
Appena preparo la vaschetta nel bagno, la piccina comincia a scappare per tutta la casa, già agitata.
Provo a metterla nell'acqua gradualmente, ma al primo contatto, già con la punta dei piedi, fa l'effetto riccio. Cioè si chiude a palla tirando su le gambe con l'abilità di una contorsionista.
.
Allora provo a bagnarla lentamente con un po' di acqua con le mie mani, e lei si scuote e strilla.
Ho provato a riempire la vasca con i suoi giochi preferiti, e un giorno c'erano i sette nani a galleggiare insaponati, un giorno delle paperelle e poi tutto il repertorio... ma non ha funzionato.
.
Birby strilla e si dimena come un'anguilla.
.
Ho provato anche a lavarla tenendola in piedi e bagnandola con un piccolo contenitore, ma lei strilla a più non posso.
.
Sembra proprio di vedere il GATTO PUZZOLONE della canzone dello Zecchino d'Oro quando lo vogliono mettere nella vasca da bagno, lo conoscete?

Il gatto Puzzolone è allergico al sapone
Non ha più un pelo bianco
Perché non fa mai lo shampoo
Si ostina a non lavarsi e ne conosco tanti
Che vogliono imitarlo, bambini ma anche grandi!...
.
Ecco Birby è davvero una fans di questo Gatto!
.
Ma cosa può essere accaduto?
Perchè un momento che era così rilassante e paicevole si è trasformato, di colpo, in un incubo da far durare il meno possibile?
.
Sarà solo un momento suo?
.
Lo spero davvero...MIAOOOOO!
.

10 commenti:

  1. Mannaggia, come ti capisco!
    Anche Dafne ha sempre amato il agnetto, da piccola. Invece, da quando ha compiuto due anni, è una tragedia. Va tutto a sentimento: se le gira bene, piange per non uscire; se le gira male, piange per non entrare.
    Che faticaaaaaaaaa! :D

    RispondiElimina
  2. Hai provato a riempire la vasca e metterti dentro con lei? Magari se vedeche tu stai a tuo agio nell'acqua riprende confidenza. Ormai mi pare che tu le abbia provate tutte, manca solo questa!

    RispondiElimina
  3. Io non so spiegarti il motivo purtroppo. Però conosco altri bimbi che si sono comportati così con l'acqua. Il mio Topo invece è sempre andato sull'altalena, la adorava e voleva andare veloce veloce. Da alcuni mesi non ci vuole salire oppure ci fa un giretto ma praticamente non devo spingerlo, dondola appena appena. E se lo spingo un pochino si mette a piangere. Il cervello dei bimbi è davvero poco comprensibile per noi adulti, però secondo me le passerà. Nel frattempo prova con altri trucchetti. Noi abbiamo avuto un periodo in cui tenevo una piscinetta gonfiabile piccola dentro la vasca e il Topo si lavava lì dentro. Un altro periodo con una seggiolina di plastica dentro la vasca così poteva stare seduto e tenere indietro la testa mentre gli lavavo i capelli... E pure la nostra vasca è piena di giochi! Provato con i giochini a carica per l'acqua? Pesciolini e barchette che navigano nell'acqua dopo averli caricati. Anche l'idea di Esther è carina, fai il bagnetto con lei :-)

    RispondiElimina
  4. ai miei child è sempre piaciuto il bagnetto se provi a farle fare il bagnetto alle sue cose preferite e solo dopo le chiedi se lo vuole fare anche lei così è pulita e profumata come i suoi giochi?

    RispondiElimina
  5. anche a me è successa la stessa cosa ma da poco. devo farla entrare a forza, poi le piace e non vuole uscire. ma lavarle la testa è un'impresa, lo faccio sempre a tradimento!
    anche se è più brigoso magari prova a fare bagnetto o doccetta con lei ogni tanto. magari riacquista confidenza!
    buona fortuna!

    RispondiElimina
  6. L'unica cosa che mi viene in mente è che le "paure" dei bimbi non vanno mai sottovalutate: non sappiamo il perché, ma è il modo che loro hanno manifestare qualcosa che li disturba.
    Sicuramente ti direi di non forzarla, ma di dare un approccio giocoso al momento del bagno (cosa che hai fatto benissimo). E' possibile che piuttosto che essere dovuto al bagno o all'acqua sia legato a qualcos'altro: ha freddo, non le piace essere spogliata, o il momento del bagno arriva quando lei sta facendo qualcos'altro che preferisce. Ad ogni modo, non preoccuparti, potrebbe essere solo un momento... carina l'idea della canzoncina!

    RispondiElimina
  7. @amiche: seguendo il vostro consiglio,e con l'aiuto della Birby-nonna, ho riempito la vasca da bagno di acqua e mi sono immersa. Il patto era che avrei fatto vedere alla piccina come era bello fare ciaf ciaf e che lei felice mi avrebbe imitato...
    Ora la realtà: ha strillato in braccio alla nonna tutto il tempo che mi ha visto in acqua...
    Ok amore, forse nuda non sarò proprio uno spettacolo da applauso, ma proprio da urli?

    baci

    RispondiElimina
  8. Mi vien da ridere, hi hi. Tiene duro la tua piccolina, ha davvero le idee chiare. Ha deciso una cosa e non torna sui suoi passi! Vedrai che si tratta di un periodo e presto passerà. Lo spero per te...
    Un'idea: hai provato a farla giocare ai travasi con l'acqua? Le dai un vassoio e qualche bicchierino, scodella, pentolino per travasare un pochino di acqua. Sul suo tavolino o in balcone... in un posto che le piace. Poi quando è ora di fare il bagnetto prendi gli spessi pentolini, bicchierini, scodelle e le dici che andate a giocare nella vasca...

    RispondiElimina
  9. @Pollon: mi sembra una grande idea, la farò giocare con l'acqua, visto che c'è anche il sole che forse aiuta, e poi vediamo che succede! Grazie mille.

    RispondiElimina
  10. Cara Mammolina, anche con mia figlia era successo quando aveva 18/20 mesi, non ricordo di preciso. Non so quanto abbia Birby, ma con Alice in effetti è stato un periodo così come lo descrivi tu. Io non ho mai insistito a costo di lavarla meno. Spesso usavo ancora il lavandino in modo che comunque riuscissi a lavarla. Le facevo vedere tutte le volte che facevo il bagno io o il papà, dicendol e che quell'acqua era per me (o per il papà) sperando si incuriosisse. Ogni tanto ci riprovavo e la facevo anche strillare per lavarle la testa. poi dopo un paio di mesi è passato. Da quando ci ha rimesso volontariamente i piedi dentro, per un po' di tempo ho dato regolarità alla cosa, così che si consolidasse il piacere di stare in acqua. Un modo per noi è stato farlo preparare a lei il bagno: con la doccina creare la schiuma, buttarci dentro un suo gioco (di plastica), anche non necessariamente da bagno, tipo un cagnolino, un omino, ecc. a cui lei decideva di fare il bagno. E iniziando con quello poi cvoleva entrare nell'acqua anche lei! Spero di esserti stata utile

    RispondiElimina

GRAZIE per aver lasciato la tua traccia.
Torna a trovarmi!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails